Le Mie Ricette

Zeppole Fritte

Le zeppole sono un dolce tipicamente meridionale, ma, per la loro bontà, sono ormai diffuse in tutta Italia. Hanno forma rotonda, come indica l’origine del nome, che deriva dal latino serpula, ovvero serpe.

Questo dolce è originariamente legato al giorno della festa di San Giuseppe, ovvero la festa del papà, ma soprattutto in Italia centro-settentrionale si ricollegano proprio al carnevale.

Esistono diverse varianti di zeppola lungo tutta l’Italia!

La tipica zeppola pugliese, ad esempio, è fritta nello strutto proprio come antica ricetta vorrebbe; quella itrana (provincia di Latina) prevede una copertura anche a base di miele al posto dello zucchero; la siciliana ha una forma cilindrica e vede tra gli ingredienti anche riso, miele d’arancio e cannella; la zeppola reggina (di Reggio Calabria), invece, è detta zippula ca’ ricotta, e somiglia più a un bignè preparato con farina, zucchero, uova, vanillina e strutto e farcito con ricotta, zucchero, cannella e limone grattugiato; le zeppole molisane e cosentine assomigliano molto a quelle napoletane, mentre quelle teramane (di Teramo), che si ritrovano anche dal Gran Sasso fino alla zona costiera, sono ancora una volta dei bignè, ma questa volta più grandi, farciti con crema pasticciera bianca con l’aggiunta di un’amarena.

Ecco la versione che preferisco…

ENJOY 😉

INGREDIENTI

PER LE ZEPPOLE (PASTA CHOUX)

  • 250 ml di acqua
  • 60 g burro
  • 150 g di farina debole
  • 1 g di sale
  • 180 g di uova (circa 3/4uova)

PER LA CREMA PASTICCERA

  • 50 ml panna
  • 200 ml latte
  • 3 tuorli
  • 65 g di zucchero
  • 20 g amido di mais
  • vaniglia o scorza d’arancia (o limone)

PROCEDIMENTO

  1. Preparate in primis la crema pasticcera, in un pentolino versate la panna e il latte e mettete su fiamma bassa, nel frattempo unite tuorli zucchero e aroma scelto, montate con le fruste, poi aggiungete l’amido, incorporate e aggiungete al composto di latte e uova quando sfiorerà il bollore, girate con una frusta fino a quando la crema non si sarà addensata, versate in una ciotola, coprite con pellicola a contatto e mettete a raffreddare in congelatore o in acqua e ghiaccio.
  2. Tocca ora alla pasta choux. In un pentolino mettete l’acqua ,il burro a pezzetti e il sale, fate sciogliere su fiamma bassa, e quando sfiorerà il bollore aggiungete la farina e mescolate con un cucchiaio di legno fino a quando non si sarà formata una palla e un velo di patina nel pentolino.
  3. Adagiate la palla in una ciotola della planetaria con gancio a foglia e azionate fino a far intiepidire ( se non avete la planetaria mettete in una ciotola e fate raffreddare aiutandoci con un cucchiaio di legno o spatola) , una volta tiepido aggiungete un uovo alla volta, fate assorbire e aggiungete l’uovo successivo, terminate le uova  e ottenuta la consistenza desiderata, trasferite la pasta choux in una sac a poche con beccuccio a stella.
  4. Ritagliare dei quadrati di carta forno e fate un cerchio bello spesso con la sac a poche.
  5. Mettete a scaldare l’olio in un pentolino, la temperatura dell’olio di semi deve aggirarsi attorno ai 165 °(aiutatevi con un termometro). Raggiunta la temperatura adagiate le zeppole con carta forno nell’olio, dopo 2 minuti togliete la carta forno e dopo 3 girate la zeppola, vi consiglio di non immergere troppe zeppole contemporaneamente nell’olio, ma poche per volta, così non abbasserete troppo la temperatura dell’olio.
  6. Fatele dorare bene da entrambi i lati e mettete, su carta assorbente.
  7. Decorate con crema pasticcera, amarene o ciliegie e zucchero a velo.
  8. Potete farcirle come più vi piacciono.
  9. Conservate in un contenitore ermetico per 4 giorni (senza farcia), se le avete farcite conservatele in frigo e se ne avete fatte troppe congelatele una volta cotte (senza crema).

Per non perdervi tutte le ricette seguitemi su instagram clicca qui!!!

Please follow and like us:
Per Info scrivi un e-mail
Instagram

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *